Due i momenti storici cruciali che hanno visto i carnefici titini macchiarsi di crimini orribili, tra i più feroci del ‘900. Il 1943 ed il 1945 nella zona dell’Istria e della Dalmazia. Il dramma delle foibe (fosse carsiche profonde centinaia di metri dove venivano gettati, spesso ancora vivi uomini e donne) e delle migliaia di italiani trucidati barbaramente dai partigiani comunisti agli ordini del generale Tito.

A parlare di questo tema, stasera, lunedì 10 febbraio, alle ore 18.30 presso la biblioteca comunale in via Amendola, a Cavallino, il sindaco del comune salentino Bruno Ciccarese Gorgoni, il parroco della chiesa Maria SS Assunta, Don Alberto Taurino, il direttore editoriale del Corriere Salentino Flavio De Marco, Giovanna Rosato responsabile della biblioteca comunale e Gianluca Marenaci della stessa mediateca comunale.

Anche a San Donato di Lecce presso la biblioteca comunale si terrà un incontro a cura dell’amministrazione comunale sul tema delle Foibe.