LECCE – Per i beneficiari del reddito di cittadinanza arriva l’obbligo di partecipare ai progetti di pubblica utilità da un minimo di otto ore sino ad un massimo di 16 ore settimanali nel proprio comune di residenza.

È stato infatti appena pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto del Ministro del lavoro con il quale i Comuni sono autorizzati a fare i bandi per i cosiddetti PUC (progetti di pubblica utilità).

Il decreto ministeriale prevede che i Comuni possono avviare la progettazione e definire le attività che i beneficiari del reddito di cittadinanza in coerenza con il proprio profilo professionale dovranno svolgere, potendosi anche avvalere della collaborazione delle associazioni del terzo settore o di altri enti pubblici.

Secondo il decreto i progetti potranno essere realizzati in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela del bene comune.

“Anche nella nostra città saremo dunque chiamati nelle prossime settimane a definire sia i progetti che gli ambiti ed i settori di intervento, coinvolgendo tutti coloro i quali tra i beneficiari del RdC hanno stipulato il patto per il lavoro o sottoscritto il patto per l’inclusione sociale, saldando in questo modo l’aiuto al reddito all’impegno per la propria comunità” – annuncia Antonio Rotundo, capogruppo Pd.