L’ironia gentile e leggera  del poeta lascia il passo ad una constatazione serena, leitmotiv di massime della saggezza popolare, di testi musicati, narrati, di disquisizioni filosofiche: «a stu mundu umbrusu e maru simu tutti de passaggiu». La fugacità della vita e il senso della morte  dis-aggettiva ogni uomo, «ricchi o cercantini, unesti o malandrini», depotenzia ogni carica, ruolo. Uomo. Semplicemente un uomo con un inizio e una fine: e “a morte ‘o ssaje ched”è? …è una livella”, direbbe il grande Antonio De Curtis. La fede di Carlo, ridonando un significato profondo, che richiama all’Altro e all’Oltre, si schiude in un aggettivo: «tutti quanti sutta chianca», ma «aspettandu, cu rispettu, nu chiautu benedettu». Una benedizione che apre la porta verso una nuova vita. Un’illusione o una realtà. Ad ogni uomo la propria risposta! di Manuela Marzo

 

A stu mundu umbrusu e maru

nc’è nna cosa cristallina

comu raggiu de matina,

se lu celu è bellu chiaru,

 

ca nni parla ogne ura,

e nni tice cu curaggiu

c’a stu mundu de passaggiu

simu tutti, per natura

 

e sia ricchi o cercantini,

sia unesti o malandrini,

prima o poi pe destinu

 

tutti quanti sutta chianca

nni ae aspettandu, cu rispettu,

nu chiautu benedettu.