LECCE – Scende al 9,4 la percentuale di impurità dell’organico differenziato dai leccesi, dato accertato ieri mattina dai chimici dell’impianto Eden94 di Manduria, piattaforma in cui l’AGER (Agenzia regionale per l’ambiente) ha disposto che il Comune di Lecce conferisca la frazione organica dallo scorso aprile. Durante i primi conferimenti la piattaforma si trovò costretta a respingere un carico di rifiuti organici per via di una percentuale di frazione non compostabile rilevata che sfiorava addirittura il 16%, contro un limite massimo fissato al 10%.
Da aprile ad oggi la percentuale è via via diminuita passando dal 14,7% dello scorso 13 giugno al 12,2% di luglio e ora al 9,4 %. Un risultato positivo, frutto di una maggiore attenzione posta nella differenziazione dei rifiuti da parte delle utenze domestiche e di una più efficace sinergia tra amministrazione, uffici, imprenditori, cittadini e gestore unico.

“Stiamo andando nella giusta direzione – dichiara l’assessore all’Ambiente Angela Valli -. Il 9,4% di oggi inaugura una nuova fase importante nello storico del servizio e, qualora il trend positivo si dovesse confermare anche nelle prossime settimane, sarà possibile per la città risparmiare circa 14 € a tonnellata sui costi di conferimento, sventando il rischio di dover reperire un nuovo impianto sul territorio regionale con tutte le difficoltà connesse e aggravio degli oneri di trasporto e conferimento, e al contempo, evitando un rincaro che, nel complesso, avrebbe potuto toccare le 50 € a tonnellata, con nuove e sensibili ricadute sulla TARI. Invito i miei concittadini, così come ho fatto lo scorso 3 luglio, ad impegnarsi ulteriormente e a fare attenzione in modo particolare al conferimento del vetro, degli indumenti e della plastica – questa volta causa di impurità per la frazione organica – che non devono essere conferiti nell’umido ma negli appositi contenitori. Occorre inoltre fare attenzione all’utilizzo dei sacchetti che devono essere compostabili, quelli trasparenti biodegradabili, infatti, non sono adeguati. Questo risultato ci dice che stiamo facendo bene ma che possiamo fare meglio. Voglio ringraziare i cittadini ma anche gli uffici, la ditta e il nucleo DEC per l’assiduità e la dedizione. È un successo condiviso, frutto di lavoro di squadra. Con il miglioramento della qualità dell’organico – conclude Angela Valli – è stato superato un grande scoglio e adesso, finalmente, si può cominciare a parlare di sgravi e premialità per i più virtuosi in un futuro quanto mai prossimo, ma, soprattutto, si può cominciare a lavorare concretamente per invertire la tendenza all’aumento progressivo e, almeno finora, inesorabile, dei costi di gestione e, conseguentemente, della relativa tassa”.